aka Crappy repairing a Samsung E700 mobile

Go to Italian version

Disclamer
Opening your mobile phone voids warranty.
Opening a mobile phone is a very delicate procedure that can compromise at least the external cover, but also the internal, more fragile parts.
It’s not advisable to open your mobile phone if you would eventually bring it to the technical service: it makes sense only if you’d like to try a last shot before throwing it away.
If you don’t know what you’re doing: bring it to the tech service!
If you know exactly what you’re doing: please read the entire post before attempting anything!
Anyway i’m not responsible for what you’re doing to your phone ;-)
For the schematic of Samsung E700 parts, please see Rapair4MobilePhone

Background
The mobile phone Samsung E700 is a clamshell type phone, which has lately become notorious because of this funny defective connection between main board and the display board :-P
The evidence of the problem is that display stays black, or you may only see the white leds on, whitout anything being displayed, or, if you’re really lucky :-P you can see something moving the shell, maybe even fully working if you keep it at a certain aperture (and this is really a hot one :-D )

The main cause is that the so called flat or flex, which is a flexible stripe of contacts, connecting the displays board to the main board, inserted in the rotating part of the clamshell, is broken.

The actual functioning is kinda complicated, because you won’t find any switch of any kind, just because there isn’t one: the flex is constituted of many stripes and the relative position of those, when you bend them, close or open a contact. That’s how the main board get to know if you opened the phone.

If you’re in the hot case ;-) and you don’t really wanna spend 100 euros to get the mobile repaired, here it’s advisable to open and analyse your phone.

Bear in mind that the whole part (flat connected to the board, plus internal and external displays), if you just change it, will cost you around 50 euros on the “open” market (eg eBay, shipping excluded), but the flat only (board with components, but without displays) can be found at way less than that amount, with the only disadvantage that you would need to solder the displays back on the board (i’m talking about precison soldering: and thats not the subject of this post!)

Since some of you might have paid the E700 even 500 bucks, even if it’s value is now decreased, still try to contact the tech service or at least an expert, just to think about those 100 euros for the full professional reparing.
You know, a new one would cost you at least 200 euros and the repairing would still let you hold your 500 euros for a while! 8-)

If you really wanna throw the phone away… well, just read on!

Here is my experience.
My gf Luigina bought the Samsung E700 mobile about 3 years ago and she used that very little! (Well, maybe we talked a little bit over that ;-) ). One day the internal display suddenly stops showing anything (right when we’re on the phone!). I ask Luigina to try opening and closing it but she only sees some coloured lines; sometimes an almost unreadable image.

On the first chance, i get the phone and start to examine it from the outside: i find immediately that keeping the shell half the way open, the display works perfectly (except for the fact that you than would need to have a 3cm diameter head to use it :-D ). At this point the problem is obvious: the contacts responsible for communicating the opening status of the phone are malfunctioning (the display is intact). For my knowledge of mobiles it could just be a dirty contact 8-) !

So i get 2 foundamental tools:

  • Torx #6 screwdriver
  • Precision flat screwdriver (if you can’t find a micro cross screwdriver)

With those two and a couple of long fingernails ( :-P ) is possible to open and dismount completely the mobile phone.

Phase 1
Remove battery and SIM and prepare the phone with his back upward.

Unscrew the screws with the torx #6 (in green).

Move gently your fingernail from the bottom of the phone (on the left in the image) thru the phone to the two hooks (which are plastic hooks) without rotating the fingernail, keeping it parallel to the aperture.
Once unlocked the lateral hooks (top and bottom of the figure), slightly rise the plastic hood and keep unlocking the others with your fingernail (those are bigger and harder to disjoint)

Phase 2

Gently unlock the main board flex contact of the display board (it’s just pressed on) not using sharp tools (better with your fingernail)
Remove the main board and the typepad to work more easily.
Below the flat you see a slit in the silver plastic, covered with black soft material sticked to it: remove the sticker and keep it apart for remounting.

Phase 3
I personally, fearing to break something, performed phase 4 before this on, but i’m sure you can do this now: unlock the display part of the shell working on the bold marked with the red arrow (also in phase 2 figure).
The trick is to find something enough slim to fit in the slit, but also enough hard to push the bolt (i used a rod) to the inside, using the rest of the silver plastic as lever.
The bolt is extremely hard to push and you’ll be worried of braking all the phone apart, but be patient and precise: you’ll feel the bolt move inward and after a little bit more pressing, it will remain pressed inside.
At this point you would need a bended tool to press again the bolt inside, so that the shell just jump apart, but you’ll find it easier if you turn the phone and very gently push apart the two parts of the shell near the bolt, moving the whole display part laterally.

Attention: don’t pull the whole display part of the mobile because you could break the flat! Just move it diagonally so that you unlock first the bolt, without stressing the flex (which is on the left of the pictures). After unlocking the shell, take genlty off the flat.

Phase 4
The upper part of the shell is very fragile and compact too, so that your job becomes now harder.
Remove the screws cover gums and unscrew the screws (in green) with a micro screwdriver, being careful not to hit the sides of the silver plastic, leaving bad signs on it. The screws don’t need to be removed even if completely unscrewed, in fact they remain hooked to the silver body.
The opening is similar to the one of the bottom part of the shell, but this time you have to be even more careful, because bending the plastic could break it very easily.
Try to lift gently the cover near the screws but pay attention: these parts are too fragile and could break apart so don’t use screwdrivers or even the fingernails near the screws.
Try to start with your nail in the center of the cover, moving upward to unlock the hooks (marked in red). Unlock the lateral hooks and pay attention to the upper ones, as they are really hard (but could break easily).
Once unlocked the four hooks, turn the shell and gently unlock the mini hooks that you find where marked with the green arrows (but with the closed shell), exactly between the blue part and the silver part of the phone (not shown in the picture, because on the opposite part of the phone)

Phase 5
In the picture you can clearly see the bolt unlocked in phase 3.
Remove the camera connector and unstick the two speakers making a lever at the points shown in red, to be able to remove the display board.
Gently pull the display and move it along the side so that you don’t stress the flat: now examine it.

In my case the flat was almost perfectly intact: the only spot was that the lower stripe of it was signed as it has been bended too much (not just flected, but broken as when you break a green branch, so that it remains connected).
If the break is in the periferic part of the flat, just proceed: if it’s right in the center you could try and use something really flexible to repair it, but i’d suggest you to abort the mission :-( . It’s more likely that after bending the flat 10 times it breaks again.

Fortunately (in this stupid defect) the only broken stripe is the one which has only one big track, so only one contact.
Probably the stuff that makes the flat (epoxy?) was too little with respect to the copper stripe, so that it couldn’t stand the continuous flections (open/close) of the cramshell, because too thin.
This leads us to the next phase….

Phase 6
Soldering a flat is something abasolutely unadvisable (meaning: its really bad!) for a couple of reasons: first because the copper on the track is covered with that material (epoxy?) and unable to being soldered, second because it’s extremely fragile.
The only advantage of this kind of material is that it’s kinda resistent to the heat of a soldering tool.
First get an unused flat from something you’ve broken: the flat of your printer inkhead or the connection flat of your hard drive… something like that, just to make some practice ;-)
Cut the flat into two parts (as straight as possible).
Gently scrape the surface until you see the shimmering copper: the best thing would be to use a Dremel with a pink stone, but since we’re not professionals, it’s ok if you use a cutter, as far as you keep it parrallel to the surface (no more cutting).
When you have some space “free” for your work, proceed to tin the track with a thin soldering tool (use a slow one, not the 100Watt instant one!). Use a wire contained in the power lines cables, also tinned, to solder together the two flat pieces.

If you can do all that without breaking anything, you can pass to phase 7!

Phase 7
Repeat the experiment in the previous phase on the broken flat, having care to put something between the broken stripe and the good ones, so that you don’t risk those with the tools, because the other stripes are way more difficoult to repair. Use a couple of wires instead of one (as you should have enough area to solder and try to keep the flat pieces aligned so that they will stay almost in the original position.
If possible, when finished soldering, use some kind of tape to make the flat stay compact (we don’t want it to break anymore, at least in that part)

Phase 8
Mount back again the mobile:
first mount back the display board (even leaving detached the camera)
put back together the shell
connect the flat to the main board
remount the bottom hood of the phone, so that you can connect the battery
turn on the phone and check that the display turns on and you can see everything
Possibly, if you fear you’ll have to separate again the shell, you can test everything witohut putting back together the shell, but just connecting the flat. Remember: with this scenario you might never see the display turn off, when not in timeout, because flexing the flat will probably not close the contact that lets the main board know that the shell is closed

Phase 10
Congratulate yourself (or, if the phone is not working, blame yourself not having chosen the tech service)

Mount back everything paying attention not to break the hooks (try to close them in the reverse order)
Now the cellphone displays should turn on and off accordingly (when closed the outside is on and the inside is off, and viceversa when open): study the behaviour carefully.

End.


Versione italiana

Come ti riparo un Samsung E700 con lo sputo


Disclamer
Aprire il telefono cellulare invalida la garanzia.
L’apertura di un cellulare è un’operazione delicata che può comprometterne come minimo la copertura esterna, ma anche le parti interne, che sono più delicate.
E’ sconsigliabile aprire un cellulare se si ha intenzione di portarlo a riparare: ha più senso se si vuole fare un estremo tentativo di riparazione prima di gettarlo via.
Se non sai quel che stai facendo: porta il tuo cellulare da un centro assistenza!
Se sai quel che stai facendo: leggi prima tutto il post fino in fondo!
In ogni caso non sono responsabile per quel che stai facendo al tuo telefono ;-)
Per uno schema delle parti del Samsung E700, consultare Rapair4MobilePhone

Background
Il Samsung E700 è un cellulare con apertura a conciglia, ormai noto per il suo divertentissimo difetto ai contatti tra display principale e resto dei circuiti :-P
L’effetto evidente è che il display rimane spento, oppure si accendono solo i led bianchi, senza visualizzare nulla, oppure, se si è parecchio fortunati :-P si visualizza qualcosa ogni tanto, specialmente mantenendo la conchiglia aperta in una particolare posizione (ma qui è veramente c..o :-D )

La causa di ciò è la rottura o deterioramento del cosidetto flat o flex, che non è altro che una strisciolina di contatti flessibili che collega il display alla circuiteria principale, passando proprio nella parte rotante della conchiglia.

Il suo funzionamento è piuttosto complicato, poiché non è presente un sensore che rilevi la posizione della conciglia, ma il flex è costituito da parecchie striscette che, piegandosi chiudono o aprono un contatto: questo è l’unico modo che il circuito principale ha per sapere se il cellulare è aperto.

Se siete nel caso fortunato (quello di c..o ;-) ) e non siete in vena di spendere 100 euro di riparazione, è consigliabile procedere con l’apertura e successiva analisi del cellulare.

C’è da tenere presente che il pezzo in sé, se sostituito interamente (cioè flat, basetta, display interno ed esterno) costa circa 50 euro sul mercato “pubblico” (es eBay, esclusa spedizione), ma che il flat da solo (compresa la basetta senza display) può essere trovato a molto meno, collo svantaggio che vanno effettuate delle saldature di precisione (che non sono argomento di questo post!)

Dal momento che qualcuno di noi ha pagato l’E700 anche 500 euro, per quanto ora sia sceso di valore, consiglio a TUTTI comunque di consultare un centro di assistenza o almeno un esperto, facendo un pensierino sui 100 euro di spese di riparazione. Un cellulare così, oggi, costa almeno 200 euro e la riparazione vi farà rimanere comunque in mano i tanto salati 500 euro inizialli! 8-)

Se invece state per buttare il telefono nel cestino, beh, leggete qui!

Vi racconto la mia esperienza.
Luigina ha comprato il cellulare Samsung E700 circa 3 anni fa e l’ha usato veramente pochissimo, poiché ha acquistato una SIM solo per parlare con me! (Vabeh, forse abbiamo parlato un pochino ;-) ). Un bel giorno il display interno smette improvvisamente di visualizzare qualsiasi cosa (proprio mentre siamo al telefono!). Chiedo a Luigina di aprire e chiudere il cellulare più volte e descrivemi quello che vede: righe a casaccio difficilmente leggibili; ogni tanto un’immagine sbiadita.

Alla prima occasione prendo in mano il telefono e comincio ad esaminarlo: scopro subito che tenendolo leggermente aperto, funziona perfettamente (a parte il fatto che devi avere la testa di 3cm di diametro per poterlo usare :-D ). A questo punto il problema è evidente: il contatto di apertura del telefono è malfunzionante. Per quello che ne so io di cellulari potrebbe anche solo essere sporco 8-) !

Mi armo quindi di 2 strumenti fondamentali:

  • Brugola Torx #6
  • Cacciavite piatto di precisione (in assenza di uno a croce microscopico)

Con questi due strumenti ed un paio di unghie lunghe ( :-P ) è possibile aprire e smontare interamente il telefono.

Fase 1
Togliere la batteria e la SIM e preparare il telefono sul retro.

Svitare le 4 viti con il torx #6 (in verde).

Delicatamente partire dal fondo del telefono (a sx nell’immagine) e far scorrere l’unghia fino ai ganci laterali (che sono in plastica) senza ruotare l’unghia, ma tenendola sempre parallela alla fessura.
Una volta sganciati quelli laterali (quelli sopra e sotto nell’immagine), alzare lievemente la calotta di plastica e procedere con gli altri (che sono un po’ più grandi e quindi più saldi)

Fase 2

Sganciare il contatto della basetta principale al flessibile delicatamente (è a scatto) cercando di non usare attrezzi affilati (meglio con le unghie)
Rimuovere la basetta principale e il typepad (i tasti di plastica) per poter lavorare più tranquillamente.
Sotto il flat c’è una fessura nella plastica argentata, ricoperta da una sottile striscia di spugna: rimuovere delicatamente la striscietta e metterla da parte per il rimontaggio.

Fase 3
Io personalmente, per paura di spaccare qualcosa sono passato prima dalla fase 4, ma penso che si possa tranquillamente sganciare la conchiglia agendo sul perno che si vede segnato in rosso anche nella fase 2.
Il trucco sta nel trovare qualcosa di sufficientemente sottile, ma resistente (io ho usato un chiodo) per premere il perno verso l’interno, facendo leva sulla plastica alla sua sinistra.
Il perno è estremamente rigido e sembrerà di spaccare tutto, ma agendo con precisione si potrà sentire che ad un certo punto cede verso l’interno e dopo un certo livello di pressione rimane automaticamente incastranto all’interno.
A questo punto o si utilizza un utensile ricurvo per premere ulteriormente il perno oppure, molto delicatamente, si gira il telefono e si allarga lo spazio tra la conciglia da staccare e il corpo principale, favorendo l’uscita del perno e sganciandolo lateralmente.

Attenzione: non tirare la parte superiore della conciglia perché si rischia di spezzare il flat! Muoverla invece di traverso (in diagonale) in maniera che si sganci il perno di sinistra, senza sollecitare il flat (che sta a destra nelle varie foto). A posteriori sfilare il flat delicatamente.

Fase 4
La parte superiore della conciglia è molto più delicata e compatta, rendendo il lavoro piuttosto difficile.
Sfilare i gommini di copertura e svitare le viti (in verde) con un piccolo cacciavite, cercando di non urtare contro i lati di plastica, segnandoli inevitabilmente. Le viti non si rimuovono completamente, ma rimangono agganciate, pur essendo completamente svitate.
Il procedimento di distacco è simile a quello precedente, ma in questo caso bisogna fare molta attenzione a quanta forza si utilizza, poiché le plastiche si possono piegare troppo, spezzandosi.
Prima di tutto sollevare delicatamente i punti di contatto con le viti, per assicurarsi che siano svitate: attenzione, queste parti rischiano di spezzarsi perché molto esili, quindi non inserire nulla (né cacciaviti, né unghie) in prossimità delle viti.
Cercare di partire invece un po’ più in alto, per poi arrivare con l’unghia verso i ganci (segnati in rosso). Sganciare prima sempre i laterali e poi fare attenzione a quelli superiori.
Una volta sganciata la parte superiore procedere delicatamente girando la conciglia e sbloccando dei mini ganci posizionati all’altezza delle freccie verdi, esattamente tra la parte blu e quella argento di questa parte del telefono (non visibile in figura, perché dalla parte opposta)

Fase 5
In questa immagine vediamo chiaramente il perno sganciato nella fase 3.
Staccare il connettore della fotocamera e scollare i due altoparlanti facendo leva sul punto segnato in rosso, per permettere la rimozione dei display.
Sfilare delicatamente il display lateralmente per non compromettere il flat ed esaminarlo.

Nel mio caso il flat risultava quasi perfettamente intatto: l’unica pecca era che la striscia inferiore dello stesso risultava irrimediabilmente piegata (non flessa appunto, ma spezzata come quando spezzate un ramoscello verde, che rimane comunque collegato).
Se il flat è rotto in una parte periferica, siamo a cavallo: se invece è rotto proprio nel mezzo dove si piega è possibile fare un tentativo utilizzando qualche cosa di molto flessibile, ma io consiglierei di rinunciare alla riparazione :-( . E’ più probabile che dopo una decina di flessioni, il flat si rompa di nuovo.

Tra le varie strisce, fortunatamente (nella sfiga) questa è l’unica che è costituita da un’unica grande pista e quindi un solo contatto.
Probabilmente il materiale che costituisce la striscia (epossina?) era troppo poco rispetto alla striscia di rame contenuta, che quindi non ha sopportato le numerose flessioni all’apertura/chiusura della conchiglia, essendo estremamente sottile.
Questo ci porta direttamente alla fase successiva….

Fase 6
Saldare un flat è cosa assolutamente sconsigliabile per due motivi: primo perché il rame è ricoperto e quindi non saldabile, secondo perché è estremamente delicato.
L’unico vantaggio è che il materiale di supporto è sufficientemente resistente al calore da permettere una saldatura.
Recuperate un flat di qualcosa che vi si è rotto: stampante, hd o sim, per fare un test pratico ;-)
Tagliate il flat in due in modo che si presenti più netto possibile.
Gentilmente raschiatene la superficie fino a vederne luccicare il rame: la cosa migliore sarebbe utilizzando un Dremel con una pietra rosa, ma in mancanza d’altro, va bene anche un coltellino tenuto parallelo alla superficie.
Quando avete una parte uniforme di rame “libero” procedete a stagnatura con un saldatore a punta fine (mi raccomando, non di quelli istantanei da 100W!! Si rischia di sciogliere tutto). Utilizzate uno dei fili contenuto nei cavi della corrente, opportunamente stangato, per saldare i due pezzi di flat.
Se riuscite nell’operazione senza distruggere nulla, potete procedere alla fase 7!

Fase 7
Ripetete l’esperimento sul flat rotto avendo cura di interporre tra la striscia rotta e le altre un pezzo di cartoncino o di plastica, in maniera che eventuali raschiate o puntate del saldatore non rovinino le strisce sottostanti, che sono molto più difficili da riparare. Utilizzate un paio di fili, visto che ci dovrebbe essere un’area sufficiente per saldarli entrambe, facendo attenzione a mantenere i pezzi del flat allineati al resto, così da rimetterli in una posizione il più possibile corrispondente all’originale.
Se possibile, alla fine, utilizzare un nastro adesivo sottile (anche quello trasparente) per rendere il tutto più fermo.

Fase 8
Rimontate parzialmente il cellulare:
rimontate la basetta del display (anche senza riattaccare la fotocamera)
riunite la conchiglia
collegate la basetta principale con quella del display
richiudete la parte inferiore del telefono, per poter montare la batteria
riaccendete e verificate che lo schermo si accenda
Eventualmente aveste paura di dover riseparare la conchiglia è possibile fare il test collegando solo il flat, ma ricordate che in questa maniera, il display non si spegnerà mai se non per andare in timeout, poiché anche piegando il flat, probabilmente non farete scattare il contatto di chiusura della conchiglia

Fase 10
Congratulatevi con voi stessi (o, se non funziona, rammaricatevi di non aver scelto di mandare il telefono in assistenza)

Rimontate e testate nuovamente il cellulare, verificando che i display si accendano alternativamente da posizione aperta a chiusa (quando il telefono è chiuso si spegne il display interno e si accende quello esterno, quando è aperto accade il viceversa).
Mi raccomando di fare attenzione ai ganci in plastica (tentare di reinfilarli al ritroso per non romperli)

Fine.

Share

Most Commented Posts

Related External Links

Rating

Not useful/interestingUseful/Interesting (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

18 Comments

  • nicola says:

    ho fatto contenta mia sorella e risparmiate 100 euro …grazieee

  • Claudio says:

    anch’io grazie alla tua pagina ho saldato il flat del mio SL65 che non dava segni di vita da un anno,mi è rimasto il problema della vibrazione mancante e il sensore dell’apertura/chiusura dello slide non funzionante(guasti non importanti).cmq non me ne importa,avendo comprato il pezzo (20€)ho risparmiato sulla riparazione (+ di 50€)e il cellulare funziona di nuovo,grazie

  • Vincenzo says:

    Ciao, questa guida è fantastica.
    Ho smontato pezzo per pezzo il mio E700 e purtroppo il flat è rotto sia dalla parte del display esterno che dalla parte di quello interno.
    No visto che su Ebay vendono dei flat a 18€ (appunto senza i 2 display) e perciò volevo chiederti se tu potevi dirmi se è facile separare i display da tutta la basetta flat.
    Un salutone!

    se vuoi e hai tempo rispondimi tramite mail.

    Sei grande!

  • MindSuburbian says:

    La facilità dipende da due punti fondamentali: gli attrezzi che hai a disposizione e la pazienza/capacità che madre natura di ha dato.
    Purtroppo spesso una persona comune non è in grado di eseguire queste operazioni senza danneggiare qualcosa.

    Io consiglierei un display con basetta completa a 40-60 euro e basta, ma se proprio vuoi rischiare il tutto per tutto non è una cosa impossibile: prova prima a dissaldare i display. Se vedi che si rovina troppo, dovrai necessariamente comprare tutto nuovo, se invece viene un bel lavoro, comprerai solo la basetta.

    In ogni caso il problema sta nel fatto che i display sono grandi ed hanno moltissime saldature. Dovrai partire da quelle più semplici e mobili: mano a mano che scaldi le parti, dovrai tentare di sollevarle per lasciarle dissaldate e risucchiare in qualche modo lo stagno in sovrabbondanza.

    Attenzione: non so se è stato utilizzato stagno “normale” oppure quello industriale, che presenta anche parti in piombo o leghe particolari: spesso questo, oltre ad essere nocivo, ha anche un punto di fusione più alto, che quindi rende il lavoro più difficile ed i rischi di danneggiamento molto più alti.

    In bocca al lupo!

  • Yryn says:

    Grazie Bella Guida e Bel servzio reso agli utenti (Finalmente qualcosa di utile e di chiaro).. Ciao!

  • Pier® says:

    Ciao.
    Grazie per la guida.
    Nei vari post su Internet è pieno di domande su come aprire un Samsung.
    In particolare i tipi a conchiglia, che non sono diversi come sistema di smontaggio da quello da te molto ben descritto.
    Posso linkare questa pagina?
    Inoltre, ho acquistato un Flat per il mio E350 ma non so come rimuovere le estremità
    attaccate alla conchiglia e alla madre, nè come queste sono ancorate.Semplicemente incollate?
    Grazie.
    Pier®

  • MindSuburbian says:

    Pier, va bene il link verso qui, ma non sono sicuro di come funzioni il flat dell’E350.
    Solitamente sono saldati, ma in molti casi sono ad incastro o come dici tu, potrebbe essere “incollato”.

    Io sarei più propenso a pensare che sia una saldatura (che cmq dura di più).

    Che io sappia se è incollato, vedrai un adesivo trasparente con delle striscioline scure (che sono i contatti), mentre se è infilato ci sarà uno slot di plastica nera, che spesso ha un meccanismo di sblocco.

    …ho paura che sarà difficile comunque da rimettere a posto! :-(

  • fabrizio says:

    Grande graaaaaande è in questi momenti che mi sento davvero di valorizzare la mia minilaurea in ing. elettronica!!! in assistenza mi avrebbero sparato 100 euro per una saldatura e invece ho unito l’utile al dilettevole, grazie per questo sito! :D

  • MindSuburbian says:

    In assistenza ti cambierebbero il flat o addirittura ti sostituiscono tutto i pezzo, compresi i display (per non perdere tempo), che quindi vuol dire telefono seminuovo. La saldatura può durare 2 giorni come 6 mesi.

    A me si è rotto di nuovo proprio l’altro giorno (quindi 9 mesi e mezzo di durata, che non sono poco). Purtroppo, nel rimontarlo ho piegato un po’ troppo il flat e si è rotto definitivamente :-(

    Ma non dispero: può darsi che a breve troverete anche una guida per la sostituzione del flat ;-)

  • Mario says:

    SANTO SUBITO!!!!!
    La guida è stata indispensabile per smontare un E330, l’idea di riparare il flat con una saldatura geniale! Sono stato particolarmente fortunato, perché nel mio caso il flat era spezzato nella striscia superiore e solo nella pista esterna, relativamente grossa. Sono riuscito a grattare la parte, mascherare con nastro adesivo e stagnare ottenendo un lavoro particolarmente pulito, senza fili aggiunti. Spero che duri un po’.
    Ancora complimenti,
    Mario